Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social-media e analizzare il traffico generato. Continuando a navigare in questo sito web acconsenti all'uso dei cookie.

Da zero a quarantadue

#zero42 era il nome del challenge che qualche anno fa (era il 2015) avevo preparato insieme al prof. Massini e a Runner’s World. Forse la mia più bella maratona corsa in questi anni. Oggi, come già allora, riparto da zero per riprovare nuovamente a battere quel crono che ancora non si è fermato. 

Non ci vorranno solo sei settimane per preparare questa nuova sfida. Come non sarà subito la maratona il prossimo nuovo obiettivo stagionale. Se qualcosa ho imparato in tutti questi anni e con tutti i chilometri corsi, sono proprio calma e pazienza nel cercare di raggiungere i risultati. Tutto quello che di buono mi ero ripromesso dopo la Firenze Marathon l’ho dovuto forzatamente abbandonare, lasciando che influenza, raffreddore, tonsillite facessero il loro corso, dando il giusto tempo al corpo per riprendersi. Ora è arrivato il momento di ricominciare.

Diversamente da quello che avevo pensato e programmato, purtroppo il finale della passata stagione non sarà più il punto di partenza. Inevitabilmente la forma è calata (se non scomparsa) i muscoli hanno risentito pesantemente della debilitazione dovuta alla malattia. E oggi ho anche scoperto di essere arrivato a 68 Kg (tutto sommato neanche un grande disastro per essere fermo praticamente da venti giorni e aver dovuto affrontare la feste natalizie senza difese).

Allenamenti di qualità e lunghi per mantenere la forma sono un ricordo che non ho nemmeno vissuto. Sarà dura riprendere, ma almeno so che i muscoli hanno potuto godere di una pausa che non potrà altro che aver fatto bene. Il prof. Massini, come tre anni fa, tornerà ad essere il mio guru, a cui affidare le prossime settimane e i prossimi mesi. 

Oggi ricomincerò con poco. Otto chilometri giusto per riabbracciare l’asfalto e assaporare il Naviglio. Per qualche giorno il cronometro rimarrà silenzioso sotto la manica lunga della divisa invernale, fino a quando le gambe non avranno reimparato a correre da sole. Per un nuovo pettorale ci vorrà ancora qualche tempo. E, se non sarà per accompagnare Chiara, passeranno altre settimane prima di provarci davvero. Una buona occasione per correre insieme per chi vorrà seguirmi in questo nuovo anno, passando dai diecimila alla mezza fino alla maratona (autunnale).

Corro Ergo Sum Runners

Ma fortunatamente a tenere alti i colori violarancio in questo nuovo anno ci hanno già pensato però i Corro Ergo Sum Runners. Ieri al Soft Trail Lake Run 20K di Annone Brianza (gara a coppie a cronometro) secondo posto tra le squadre miste per Christopher e Lorenza (new entry 2018) e buon piazzamento per papà&mamma Luca e Tania (anche loro al debutto da Corro Ergo Sum Runners). Altro podio anche il giorno dell’Epifania alla Mezza sul Brembo, dove Liviana è salita sul secondo gradino del podio (SF65) seguita dalle buone prestazioni di Guido e Marcello, che lasciano presagire una nuova stagione da protagonisti. Bravi ragazzi!