Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social-media e analizzare il traffico generato. Continuando a navigare in questo sito web acconsenti all'uso dei cookies.

Ricominciare a correre: come, quando e perché

Non è facile dire basta e fermarsi per un infortunio. Ma non è nemmeno così facile ripartire dopo un lungo stop. Con i tempi giusti. Il modo giusto. La motivazione giusta. Tante le variabili in gioco e tanti i pericoli in agguato. Tanta la voglia di riprendere a correre come se nulla fosse successo. Io ci sono passato. E sto riprovando per l’ennesima volta a ritornare ancora più forte di prima. 

Vado a ritroso. Partirei subito dal perché. Perché ricominciare? Qual è la motivazione che ci spinge a volerci riprovare ancora una volta nonostante le difficoltà? Cosa ci stimola e ci invoglia a bruciare le tappe per essere di nuovo in strada il prima possibile? Una risposta che ognuno può dare solo per sé stesso. C’è chi corre solo per stare bene, scaricare le tensioni della giornata e stare all’aria aperta. C’è chi corre per necessità prettamente fisica e vuole ritrovare il prima possibile il suo peso forma. C'è chi corre perché ama la competizione e vuole risentire l’adrenalina scorrere ancora nelle vene, vuole bruciare i secondi sul cronometro e sentire la fatica degli allenamenti salire dalle gambe fino in gola. Quindi non conta quale sia la motivazione che ci spinge a farlo in realtà, ma averla. Ed è difficile per chi è rimasto fermo per troppo tempo non trovarla. Più difficile ancora riuscire a non esserne travolto.

L'ostacolo più grosso infatti è forse riuscire a dosare la voglia di ricominciare per non bruciare le tappe. Riuscire a capire quando è il momento di riprovarci. E questo dipende molto dal tipo di infortunio o di motivazione che ci ha portato a fermarci. L’esperienza gioca un ruolo chiave in questa decisione. La propria, come anche quella degli specialisti (medici, fisioterapisti, osteopatia, massaggiatori, allenatori...) a cui ci si affida per superare l’ostacolo. Non esiste una regola, perché ogni infortunio e o ogni problema sono casi a sé. Ed ogni runner può reagire in modo differente. Ma, per quanto possa aver imparato in questi anni (e soprattutto nell’ultimo periodo) quando ci si sente pronti per riprovarci, nella maggior parte dei casi, è meglio prendersi ancora qualche giorno di riposo in più. Tanto male non fa. 

Il rischio, sbagliando le previsioni, è quello di ricadere. Di ritrovarsi ancora a terra. Con un problema quasi risolto che peggiora e ci costringe ad uno stop ancora più lungo di quello che sarebbe potuto essere se non avessimo ceduto a quella maledetta tentazione. E’ il momento più critico, più pericoloso. Il momento in cui soffocare la voglia e fare davvero i conti solo con la propria coscienza. E non c’è specialista che tenga. Solo noi stessi siamo in grado veramente di sapere se è il momento di osare. 

Il come invece è la parte più facile (teoricamente). Partire sempre con pochi chilometri o poche decine di minuti. Se non addirittura ripartire con corsa e camminata alternati. Ascoltandosi ad ogni passo, cercando di capire le reazioni del nostro corpo, pronti a fermarci nel momento in cui non siamo più sicuri di essere al cento-per-cento della nostra forma. Non bruciare le tappe. Fare della pazienza il proprio mantra, godendo di giorno in giorno dei risultati che si conquistano, come se fosse la prima volta. E non ripensare a quello che si riusciva a fare mesi o anche solo settimane prima. Tanto, se si lavora bene e senza fretta, quelle corse ritorneranno prima o poi. 

La regola fondamentale è quella di incrementare di settimana in settimana il proprio carico, costantemente e gradualmente. Come riferimento l’aumento chilometrico (o cronometrico) non dovrebbe essere superiore del 10%. Niente tabelle preformate, niente ripetute distruttive, niente sedute di qualità. Godersi la fatica iniziale e guardare avanti è quello che serve per rimanere motivati e rischiare di rifarsi male per l’ennesima volta. E poi, una volta ritornati a regime, capire cosa fare per fare in modo di non cadere più in quell’infortunio e ritrovarsi nuovamente a terra. Ogni problema nasce da qualcosa di sbagliato (non necessariamente legato alla corsa). Correggere i propri errori è (e deve essere) la nostra prima preoccupazione. Fondamentale per correre bene e correre meglio. Ma soprattutto correre sempre. 

Io mi sono ritrovato catapultato in un anno particolare, iniziato con tre mesi di stop dovuto ai problemi alla schiena che pensavo risolti questa primavera. Problemi che si sono ripresentati anche dopo l’estate e che, uniti all’ultima (semplice o quasi) operazione, mi hanno tenuto lontano dalla strada per più di un mese e mezzo. Da qui devo ripartire. Da qui sono ripartito. Sei semplici chilometri di corsa, tra sentieri sterrati lungo l’argine del Canale Villoresi, rimbalzato tra Martesana e marciapiedi della città. Sei chilometri per riprendere confidenza col passo, con la fatica, con il sudore. Senza pretese. Senza tempi preconfigurati o obiettivi a breve termine. Solo per la voglia di correre. Solo per la voglia di provare a risentirmi nuovamente un runner.