Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social-media e analizzare il traffico generato. Continuando a navigare in questo sito web acconsenti all'uso dei cookie.

Stroller... ergo sum

Sono fiero di presentare proprio oggi il nuovo avatar creato da The Hand per Corro Ergo Sum. Un alter ego che ben rappresenta l’evoluzione di quello che è stata la mia vita di runner. Non so quando riuscirò a correre ancora spingendo Tommaso e il nostro amatissimo passeggino Thule, ma ci saranno sicuramente nuove sfide per farlo anche insieme a nuovi super-papà e nuove wonder-mamme.

Un grande grazie lo devo sicuramente a Maurizio The Hand Di Bona, perché senza la sua creatività e la sua arte non sarei stato in grado di crearlo da solo. Da neo papà e oliato runner ha saputo cogliere perfettamente lo spirito con il quale mamme e papà si buttano nella mischia condividendo la propria passione con i propri figli. Lo stesso che potete trovare nel mio articolo di Runnersworld.it con le dichiarazioni post gara di Luca, Ylenia, Silvia, Barbara e Giovanna che domenica hanno corso la Milano Marathon e la Relay Marathon spingendo i loro bimbi. 

Sarei voluto essere al loro fianco, ma non ho potuto. Insieme siamo però riusciti per la prima volta a portare a correre ufficialmente in una maratona italiana mamme e papà con i loro figli. Cosa che non è così scontata e semplice. Qualcuno dirà e scriverà che non è la prima volta. No, probabilmente. Ma vi ricordo che senza l’approvazione dell’organizzazione (e il nulla osta della Fidal) ogni bimbo spinto su stroller non autorizzato, lo ha fatto da imbucato, come quelli che si infilano ogni domenica in gara senza il pettorale... e (cosa più importante) senza una copertura assicurativa per danni a sé e verso gli altri. 

Per “festeggiare” questa nuova creazione (se ve li siete persi) vi lascio di seguito i link alle gare ufficiali (competitive e non) corse con Tommaso. Un’evoluzione continua per me e per lui, sperando che ci saranno nuove occasioni per divertirci insieme e che un giorno riusciremo anche noi a portare a termine una maratona, magari con un nuovo guinnes italiano registrato ufficialmente. Chi vivrà (e correrà) vedrà...