Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social-media e analizzare il traffico generato. Continuando a navigare in questo sito web acconsenti all'uso dei cookie.

Tipologie

La suddivisione in tipolgie delle scarpe da running è un modo semplice e veloce per classificare i vari modelli dedicati alla corsa e rendere quindi più facile l’individuazione del tipo di calzatura adatta ad ogni atleta ed alla sua prestazione. Negli anni si è diffusa una classificazione standard che suddivideva i modelli in rigide classi denominate A1, A2, A3, A4, A5 in base a peso e velocità di corsa, che con l'evoluzione delle tecnologie e l'introduzione di nuove caratterstiche non ha ormai più senso (lascio comunque la denominazione all'interno delle varie categorie per renderle più riconoscibili). Le scarpe sono in continuo cambiamento e parametri rigidi come durata della scarpa o ammortizzazione o peso o categoria cambiano troppo velocemente per esser validi globalmente per tutti. Quindi è importante provarle, testarle e capire le sensazioni personali. L'unico vero giudice devono essere i nostri piedi.

Minimaliste - Barefoot - A0

Peso: non esiste una categorizzazione di peso, ma normalmente vanno dai 180 gr ai 320 gr.
Ritmo al chilometro: 3' 30" - 4'00".

Caratteristiche: sono state progettate per favorire il movimento naturale delle articolazioni del piede, ne garantiscono una posizione biomeccanica ottimale e contribuiscono a correggere alcuni problemi di postura. Sono scape di solito molto comode, che lasciano tutto lo spazio possibile al piede. In alcuni modelli l’alluce è separato sia nella suola che nella tomaia. Questa libertà di movimento consente al piede di spingere con maggiore forza rispetto alle scarpe da running tradizionali. Sono scarpe ridotte al minimo dove tutti i materiali superflui sono stati eliminati. Normalmente le scarpe minimaliste hanno un differenziale (differenza tra pianta del piede e tallone) che va da 0 mm a 8 mm. Il tendine di Achille viene molto sollecitato, ma questo tipo di scarpe deve è fatto per correr in modo naturale appoggiando pochissimo il tallone, favorendo velocità e reattività.

Utilizzo: adatta sia a chi pratica allenamenti intensivi sia al runner occasionale. 

Consigliata a: non sono adatte per un uso universale, ma sono da intendersi come nuovi ausili per l’allenamento. E' consigliato farne un uso integrativo con scarpe da running tradizionali e di permettere al piede di abituarsi in modo graduale.

Superleggere - Racing - A1

Peso: sotto i 250 g. 
Ritmo al Km: sotto i 3' 30".

Caratteristiche: scarpe mollto leggere, reattive e flessibili, che normalmente non offrono nessuna risposta in ammonizzazione che disperderebbe buona parte dell’energia cinetica sviluppata nella compressione della scarpa stessa. Il dislivello tra avampiede e tallone deve essere minimo e il controllo del piede ridotto. L’alta sensibilità nell’appoggio permette di sfruttare al massimo la rullata del piede a ritmi veloci.

Utilizzo: gare su strada, allenamenti di sintesi, ripetute veloci in pista in alternativa alle chiodate.

Consigliata a: runner leggero e veloce. Non sono adatte a runners pesanti, ai pronatori ed ai lenti.

Intermedie - Performance Cushioning - A2

Peso: dai 250 ai 290 g.
Ritmo al Km: 3' 30" - 4' 00".

Caratteristiche: scarpe leggere e flessibili che non trascurano comunque un buon livello di ammortizzamento. Grazie a questo connubio tra leggerezza ammortizzazione sono spesso usate da atleti leggeri anche in gara o per gli allenamenti su percorsi veloci. Basso rapporto tra avampiede e tallone per rendere l'appoggio più reattivo. Non mancano i modelli con un leggero supporto antipronazione.

Utilizzo: gare su strada, allenamento su ritmi medio/veloci.

Consigliata a: runner di peso medio/leggero. Sconsigliate a persone che si avvicinano al running anche se di peso leggero.

Massimo Ammortizzamento - Cushioning - Neutral - A3

Peso: dai 270 ai 390 g. 
Ritmo al Km: oltre i 4' 00".

Caratteristiche: la tipica scarpa neutra, adatta a chi non ha particolari problemi di appoggio. Inizialmente dotate di un certo dislivello tra avampiede e tallone per proteggere i tendini delle articolazioni dagli impatti, ultimamente sta perdendo questa carattersitica in alcuni modelli. Ottimo potere ammortizzante che va però a scapito della velocità. Sono le scarpe comunemente più usate dai runners.

Utilizzo: allenamento, gare su strada.

Consigliata a: runner con appoggio neutro, supinatore (appoggio in inversione, verso l’esterno) o solo leggermente in pronazione (difetto dell’appoggio caratterizzato dal cedimento del piede verso l’interno). Consigliata a chi indossa plantari correttivi.

Stabili - Stability - Support - A4

Peso: dai 290 ai 390 g.
Ritmo al Km: generalmente oltre i 04' 00".

Caratteristiche: scarpe dotate di supporto speciale nell’intersuola che contrasta l’iperpronazione (difetto che porta l’eccessivo carico del piede verso l’interno, quindi quando cede verso l’interno). Possono risultare più rigide e poco flessibili rispetto ad altre categoria di scarpa. Di solito il controllo del piede non riduce l’ammortizzamento. Rientrano in questa categoria anche alcuni modelli performanti.

Utilizzo: allenamento.

Consigliata a: runner pesanti e/o iperpronatori. Sconsigliata a tutti gli altri e soprattutto ai supinatori (appoggio verso l'esterno).

Trail Running - Fuori Strada - A5

Peso: dai 270 ai 390 g.
Forma: semi-curva.
Ritmo al Km: qualunque.

Caratteristiche: scarpe che assicurano un appoggio sicuro su qualsiasi superficie con tutte le condizioni atmosferiche grazie alla suola a carro armato. Controllo del piede e ammortizzamento assicurati anche nelle situazioni estreme. Si stanno evolvendo, differenziandosi come le tradizionali scarpe da running in base alle diverse tipoligie di gara.

Utilizzo: sterrati impegnativi, corse in montagna, sky running. Ottime anche per il tempo libero fuori città.

Consigliata a: chiunque.

Chiodate - Specialistiche - Track - A7

Peso: < 200 g.
Forma: curva.

Caratteristiche: scarpe specifiche per l’atletica leggera. Ne esistono di diverse tipologie (cross, velocità, mezzofondo, ostacoli, salto in lungo, salto in alto, giavellotto...) differenziate in base al tipo di disciplina. Non sono ammortizzate e l’appoggio sull'avampiede è provvisto di tacchetti più o meno accuminati, intercambiabili o meno, per permettere il massimo del grip sulla pista, che presenta già un’ammortizzazione di suo.

Utilizzo: cross, pista e pedane.

Consigliata a: atleti agonisti.

Tempo Libero - Fitness - Active Running

Peso: dai 300 ai 390 g.
Forma: semi-curva/dritta.

Caratteristiche: sono la soluzione giusta per chi cerca una scarpa con cui iniziare a mantenersi in forma o comunque per l’impiego in palestra o all’aria aperta senza velleità agonistiche. Alcuni modelli presentano un buon compromesso tra stabilità e ammortizzamento, ma non sono comunque adatta per la corsa costante e continua, anche se lenta in quanto hanno un’ammortizzazione incapace di assorbire gli impatti della corsa in modo ottimale e non hanno stabilità.

Utilizzo: palestra, jogging, tempo libero.

Consigliata a: chi inizia. Sconsigliate per macinare chilometri.