Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social-media e analizzare il traffico generato. Continuando a navigare in questo sito web acconsenti all'uso dei cookie.

Dalle stelle alle stalle

Pensavo, anzi speravo, di essermi lasciato ormai tutto alle spalle. Ma invece sono nuovamente risprofondato nel baratro. Due giorni dopo la prima (ed unica) uscita, quando avrei dovuto reindossare finalmente ancora le scarpe, il fastidio alla schiena è tornato. Prima piano, leggero. Insinuandosi come aveva già fatto tre settimane prima. E tutto è ripreso da capo. Il vero problema ora è come risolvere definitivamente la questione.

La cosa più difficile al momento sembra stabilire da cosa tutto dipenda. Sono quasi certo che la causa scatenante sia stato il peso sollevato un mese fa. Ma sicuramente ci sono delle concause che hanno portato a questa situazione paradossale. La debilitazione dovuta al post-maratona, la tonsillite di Natale e la botta di Capodanno con la febbre alta. Senza dimenticare il continuo sforzo dovuto al sollevamento quotidiano di Tommaso. 

Che i miei muscoli siano fragili non è una novità. Ma se con il tempo ho imparato a convivere con i problemi alle gambe, a risolverli in parte e a riconoscere i segnali del corpo, lo stesso non posso dire di essere in grado di farlo con la schiena. Dopo le sedute tra fisioterapista, massaggiatore e osteopata, il parere comune, confermato anche dal medico è che ci sia un problema muscolare e nulla più. Ma il nulla più va prima scongiurato. Per questo nelle prossime settimane ho preso tre appuntamenti che spero mi aiuteranno a capire meglio cosa non va veramente.

Primo step, lastra alla schiena. So perfettamente che sarebbe stato più efficace passare subito per una risonanza magnetica, ma purtroppo la trafila burocratica ospedaliera non lo permette. Secondo step, visita ortopedica. Visto che la dottoressa Ferrario ha già fatto miracoli con Chiara e altri Corro Ergo Sum Runners, questa volta sarà il mio turno. Ultimo step, il controllo dei plantari, che per un anno hanno fatto il loro dovere ma che potrebbe essere il momento di riregistrare. 

Il silenzio di questa ultima settimana è dovuto principalmente a questo. Anche perché è davvero difficile portare avanti un blog che parla di corsa quando di corsa non si va. Sperando che anche questa mi esperienza possa essere d’aiuto a qualcun altro. Intanto ne ho approfittato anche per aggiornare il sistema del mio CMS (Joomla) che non modificavo da parecchi mesi e che aveva bisogno di tornare al passo con le ultime modifiche. Nessun cambiamento sostanziale dal punto di vista della navigazione, ma solo di struttura interna, anche se potrebbero capitare malfunzionamenti dovuti a bug che ancora non ho risolto. Nel caso abbiate pazienza... 

Nei prossimi giorni cercherò poi di parlare di corsa anche senza correre. I Corro Ergo Sum Runners stanno iniziando a popolare le strade domenicali e venerdì avremo la cena societaria (in località segreta) per salutarci e programmare i prossimi mesi, con anche qualche interessante novità che svelerò a suo tempo. Mi pesa non essere al loro fianco, ma conto di ritornare presto. Di una sola cosa sono certo: ho voglia di correre.