Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social-media e analizzare il traffico generato. Continuando a navigare in questo sito web acconsenti all'uso dei cookies.

Felicità alla New York City Marathon

Brividi. Sono la prima cosa che mi viene in mente pensando alla New York City Marathon appena conclusa. Emozioni che si sono susseguite, ingarbugliate di miglio in miglio e che poco alla volta hanno lasciato spazio alla fatica crescente della seconda parte di gara. Per la prima volta in una maratona non ho guardato cosa dicesse il cronometro, rapito dall'entusiasmo che ci ha presi e sospinti verso Central Park, concentrato solamente nell'assaporare ogni singolo momento di quell'infinito viaggio. 

Continua a leggere

Cardio da polso: come usarlo al meglio

Il cardiofrequenzimetro da polso è ormai strumento comune (e necessario) a tutti gli smartwatch da corsa e fitness band. Quando si sceglie di utilizzarne uno, è necessario però considerare alcuni parametri che possono andare ad influire fortemente sulla qualità/quantità del battito rilevato, indipendenti dallo strumento stesso.

Continua a leggere

Ripetute, queste sconosciute. Ve le spiego a modo mio

Prima o poi chiunque inizi a correre anche solo per divertimento, si troverà con la curiosità o la voglia di provare a migliorare. E in qualsiasi tabella che voglia seguire, capiterà di trovarsi di fronte alle amate-odiate serie di ripetute. Un appuntamento che può cambiare il rapporto con la propria corsa quotidiana. Ma cosa sono? A cosa servono? Sono necessarie? Lo racconto, e provo a spiegarvelo, a modo mio.

Continua a leggere

Maratona di New York: ne vale davvero la pena?

È passato qualche anno dalla mia prima e unica New York City Marathon. Un'esperienza incredibile. Unica. Inattesa. A distanza di dodici e più mesi sono rimasto spettatore non solo della maratona, ma anche della corsa in generale. E guardando correre le migliaia di runner che ogni anno riempiono ancora le strade di New York, mi sono chiesto cosa li spinga a spendere quasi duemila euro per correre una gara nella quale arriveranno solo illesimi

Continua a leggere

Ineos 1:59: la leggenda di Kipchoge

Un po’ mi dispiace per tutti quelli che denigrano l’impresa di Kipchoge a Ineos 1:59. Aiutati o non aiutati, correre una maratona sotto le due ore (1h 59’ 40”) è un’impresa titanica. Abbiamo assistito ad un evento epocale e dovremmo gioirne (sportivamente parlando) tutti, invece di trovare sempre una scusa per attaccare qualcuno. Ma sarà il tempo a rendere giustizia. I record restano, le polemiche passano.

Continua a leggere

La maratona è tutta un’altra cosa

La maratona è poesia, sacrificio, dedizione, sogno. Una gara spietata, ma allo stesso tempo affascinante. Ai Campionati Mondiali di Atletica Leggera di Doha la gara femminile è stata trasformata in una corsa alla sopravvivenza, in una gara a eliminazione. Vittima di caldo e umidità anche la nostra Sara Dossena, svenuta (letteralmente) al dodicesimo chilometro. Ma la maratona per me è tutta un’altra cosa.

Continua a leggere

Social Running

Evoluzione. Rivoluzione. Involuzione. Una discussione sempre aperta, quella sui social. Strumenti che hanno cambiato radicalmente le nostre abitudini. Nel bene e nel male. Anche quelle dei runner. 

Continua a leggere

Allenarsi come Eliud Kipchoge (si può)

Stamattina ho letto l’articolo di Giorgio Rondelli sulla vittoria e record del mondo di maratona di Eliud Kipchoge. Un’analisi sintetica e un confronto sul lavoro svolto e sui risultati ottenuti dall’uomo più veloce del mondo sui quarantadue chilometri. Una metodologia che rispecchia pienamente il mio pensiero, le mie abitudini e quello che mi ha insegnato in tutti questi anni il prof. Massini. Non punterò sicuramente al record del mondo, ma sono sicuro che è la giusta strada per fare bene. 

Continua a leggere

Epidurale, una nuova strada per tornare a correre

Mi ero ripromesso di provare a curare i problemi alla schiena esclusivamente con esercizi di allungamento e potenziamento del core. Ma i risultati non mi hanno soddisfatto. E dopo l’ennesima ricaduta ho deciso di tentare un’altra strada. Dopo alcuni consigli (ed esperienze) di amici pensavo di passare all’ozonoterapia. Ma ho poi deciso di seguire il classico protocollo medico e ho optato per l’epidurale. Ecco com’è andata.

Continua a leggere

Wave Sky 3, la Mizuno superammortizzata

Tornati dalle ferie e complici i buoni propositi in vista della nuova stagione autunnale, in molti saranno tentati di passare a qualche nuovo modello di scarpe, magari proprio in ottica maratona. Allora non perdetevi le nuove Mizuno Wave Sky 3, equipaggiata con il nuovo e rivoluzionario FoamWave, in grado di regalare più confort e ammortizzazione. Non ve ne pentirete.

Continua a leggere

    Garmin Connect
    Strava